TERRITORIO E QUALITA'
DELL' ACQUA

Senese

ACQUA E SALUTE

Non sempre ci si pensa, ma l’acqua è uno tra gli alimenti più importanti nelle diete di ciascuno di noi. Conosciamo abbastanza le sue caratteristiche e proprietà? Abbiamo idea di quando l’acqua possa considerarsi potabile? Sappiamo quale sia la dose giornaliera di acqua di cui abbiamo bisogno? Tante piccole, grandi curiosità legano l’acqua alla nostra salute: scopriamone alcune.

  • Acqua potabile: sorvegliato speciale.
    Sapete che l’acqua potabile è il prodotto alimentare più controllato? Nell’ATO 4, i tecnici di Nuove Acque e della USL ne verificano quotidianamente la qualità, giudicandone parametri come colore, sapore e trasparenza e analizzandone la composizione chimica e batteriologica. Per esser considerata potabile, dunque, all’acqua non basta fornire al nostro organismo le numerose sostanze utili (ad es. sali minerali, calcio, fluoro) di cui è ricca. Il diploma di “potabilità” è da guadagnare e da meritare ogni giorno.

  • Quanta acqua al giorno?
    Bere bene è importantissimo, ma non è meno fondamentale bere il giusto. Per soddisfare le necessità quotidiane dell’organismo, un adulto deve bere almeno 1,5 litri di acqua. Prima dei tre anni, invece, si ha un fabbisogno di acqua proporzionalmente tre volte superiore rispetto a un adulto.

  • Acqua dura ed acqua dolce
    L’acqua non è tutta uguale. Anzi, è un prodotto locale. Essa, infatti, trae il proprio sapore e la propria composizione dalle terre che attraversa. Per esempio, si può parlare di acqua dura e acqua dolce, a seconda di quanto calcare contenga.. Entrambi i tipi di acqua hanno pregi e difetti, non comportando comunque alcun danno per la salute. L’acqua dura, ricca di calcare, è da apprezzare per l’alto contenuto di calcio (può coprirne anche il 25% del fabbisogno giornaliero) elemento essenziale per la robustezza dell’ossatura, ma di contro trattiene gli odori e deposita fastidiose incrostazioni sugli oggetti con cui viene a contatto. Altre caratteristiche ha l’acqua povera di calcare, quella dolce: a fronte di un miglior sapore, risulta corrosiva per le condutture e non risciacqua bene.